Le bulbose nelle quattro stagioni   

FLORIANA BULBOSE   -  Monte Porzio Catone (Roma)

 

 

 

 

Home  -   Cataloghi  -  Contatti

__________________________

 

 

 

 

AUTUNNO

 

 

AUTUMN (FALL)

 

 

 

 

 

Le specie e varietà del genere  Nerine  vengono fornite in primavera per essere piantate subito in suolo umifero e non eccessivamente calcareo. Durante l'estate hanno bisogno di limitate ma regolari annaffiature per tenere vivo il fogliame. Se non disturbate e coltivate in un luogo riparato dal  freddo, queste piante superano l'inverno solo rallentando il loro metabolismo e dunque conservano il fogliame più o meno tutto l'anno.  In Italia viene coltivata una sola specie che si discosta da questo andamento, Nerine sarniensis:  in autunno fiorisce in assenza di foglie, per emetterle subito dopo.

Le nerine si adattano bene alla coltivazione in vasi, ma risulta essenziale che non vengano trascurate durante l'estate. I vasi vanno collocati in un posto a riparo dal gelo durante la stagione fredda.

La concimazione delle nerine conviene effettuarla durante l'intero ciclo vegetativo e soprattutto alla fine dell'estate, quando le piante si preparano alla fioritura.

Alla fine dell'estate è possibile piantare bulbi di sufficiente dimensione di Amaryllis belladonna e godersi la loro splendida fioritura ed il piacevole profumo. Anche i bulbi di questa specie che non sono subito pronti alla fioritura dovrebbero essere piantati in questo periodo per sviluppare bene il fogliame prima del freddo invernale. Così è possibile guadagnare un anno di sviluppo di queste piante rispetto alla messa a dimora in primavera.

         Un croco molto speciale è il Crocus sativus (il vero croco da zafferano). Questa specie sterile è nota da molti secoli e viene propagata solo agamicamente. I suoi pistilli vengono essiccati ed usati come una preziosa spezie. Infatti, questa spezie è la più costosa del mondo. In Italia è possibile coltivare il Crocus sativus in moltissime zone e i nuovi zafferaneti sono in continua espansione. Dal sito della Floriana Bulbose è possibile ordinare già dalla primavera partite piccole ed anche molto grandi di ottimi cormi.

Frequentemente la Sternbergia lutea viene chiamata croco autunnale giallo.  Si tratta di una pianta estremamente frugale, felice quando lasciata indisturbata in un luogo particolarmente assolato ed arido d'estate, ma sopporta anche la mezzombra. Sono poche le bulbose autunnali con fiori gialli, che invece prevalgono nel tardo inverno e in primavera.

Le bulbose a fioritura autunnale vengono vendute sia dal Catalogo 1 che dal Catalogo 5, raggiungibili dalla pagina introduttiva del sito www.florianabulbose.com.

In questa pagina sono state inserite delle bulbose che fioriscono nel periodo che va dagli ultimi giorni dell'estate nel mese di settembre fino all'inizio della stagione invernale. Il preciso inizio della fioritura delle piante messe a dimora durante la primavera o in autunno dell'anno precedente dipende naturalmente dal luogo, dal clima locale e dall'andamento stagionale dell'anno. Importante è ricordare che le bulbose a fioritura autunnale conservate correttamente possono essere comunque piantate fino alla fine di ottobre. FLORIANA BULBOSE partecipa regolarmente a mostre-mercato in settembre e ottobre  (vedi la pagina EVENTI nel sito www.florianabulbose.com)  e questi bulbi costituiscono una delle maggiori attrazioni per gli amatori, essendo garantita la fioritura immediata.

Particolarmente affascinanti sono le Lycoris, originarie della Cina e del Giappone. Questo genere è ancora poco coltivato in Italia, essendo difficile il reperimento di buoni bulbi dalle zone  di  origine.        Le loro infiorescenze si aprono tra la fine dell'estate e  l'inizio dell'autunno  e  solo dopo si sviluppano le foglie. Più informazioni si trovano ne "Il Sentiero Verde dei Bulbi".

I due generi più importanti di bulbose a fioritura autunnale in Europa sono ColchicumCrocus.  Le loro specie con le numerose forme consentono al giardiniere attento all'evoluzione delle specie vegetali di creare nelle aree coltivate scorci molto interessanti, che richiamano la flora influenzata dalle variazioni geologiche e climatiche, mettendo in evidenza la stretta connessione tra l'autunno e la primavera.

I grandi cormi di Colchicum rimangono in completo letargo durante i mesi caldi e siccitosi per emettere i vistosi fiori appena risentono della presenza di umidità sufficiente, ma soprattutto perché il loro orologio biologico lo comunica. Infatti, questi bulbo-tuberi, con le grandi riserve di sostanze nutritive nel loro tessuto, riescono a fiorire anche senza alcun contatto con il suolo. Certi commercianti senza scrupoli sfruttano questa loro capacità per venderli come delle curiosità. Per il giardiniere serio si presenta invece il problema di collocare questi cormi più presto possibile nel giusto posto prescelto nel giardino roccioso, ma anche sui bordi dei prati che nell'anno non dovranno più essere falciati, per evitare danni alle grandi foglie che seguono la fioritura e permangono fino alla primavera successiva.

cormi do colchici

I fiori dei crochi autunnali sono molto più piccoli di quelli dei Colchicum, ma è possibile creare in giardino delle macchie a colori interessantissimi con le numerose specie a disposizione degli amatori. Qui sono inseriti solo pochi esempi. Si consiglia di consultare il Catalogo 5 nel sito www.florianabulbose.com.

In autunno inizia la lunga stagione della fioritura del genere Narcissus. I primi a fiorire sono alcune specie, come quella ritenuta la più antica: Narcissus  humilis o l'affascinante Narcissus viridiflora. Le vistose e profumatissime varietà di Narcissus tazetta permettono di ravvivare aiuole, bordi di specchi d'acqua o la triste realtà delle cassette con le ultime stagionali estive.  E v v i v a   i l   n a r c i s o !

 

  

Con l'autunno non termina la fioritura delle bulbose in Italia.  Anzi, questa stagione può essere considerata l'inizio del ciclo annuale delle piante a bulbo, visto che moltissime devono essere messe a dimora proprio in questo periodo. Si verifica solo un rallentamento dello sviluppo di molte piante dotate di un apparato ipogeo capace di garantire la sopravvivenza durante i periodi di stress climatico. Alcune bulbose sono in grado di fiorire già d'inverno, come si può osservare nell'appropriata pagina (vedi).

 

     

BACK                 HOME          

                                                          

        NEXT